Ci sono vari tipi di parassiti che colpiscono i gatti creando irritazioni e infezioni. Essenzialmente si suddividono in parassiti esterni e parassiti interni. Pochi di essi sono trasmissibili all’uomo, ovviamente i gatti che vivono in appartamento sono meno soggetti, quelli che vivono in semi-libertà devono sottoporsi regolarmente a trattamenti preventivi.

Parassiti esterni


I principali parassiti esterni degli animali sono le pulci. Le pulci, oltre che a causare prurito, possono provocare infezioni e anche anemia. Qualora si noti che il gatto si gratta in modo piuttosto insistente è probabile che sia infestato dalle pulci. Ci si può accorgere della loro presenza anche pettinando il gatto con un apposito pettine. In commercio ci sono vari prodotti sotto forma di fialetta “spot-on” da applicare facilmente sulla pelle dell’animale, in genere fra le scapole, che debellano questi parassiti. Il pericolo non è scongiurato neppure per i gatti che vivono in appartamento e quindi è bene porre attenzione ai segnali premonitori e procedere anche in questi casi alla profilassi. Fare attenzione ad adoperare un prodotto che debelli anche le uova di questi parassiti. Ci sono poi gli acari degli orecchi Sono parassiti spesso ereditati dalla madre o presi dal contatto con altri gatti. Si diffondono di più nei cucciolo e gatti che vivono all’aperto e sono facilmente identificabili essendo visibili ad occhio nudo. Le orecchie con acari si notano perché presentano residui sabbiosi e macchie scure all’interno dell’orecchio del gatto. Inoltre l’animale tende a scuotere la testa e a grattarsi con il rischio di provocare infiammazioni ed eventuali reazioni allergiche. Occorre sempre curare il gatto con acari nelle orecchie ad esempio con la selamectina che va applicata sulla pelle vicino alle orecchie ed elimina la maggior parte degli acari. Inoltre esistono in commercio anche gocce da mettere nelle orecchie ma non sempre l’operazione è facile. Non ultime ci sono le zecche. Cadono da altri animali depositandosi nell’erba o sui tappeti. Le zecche sono piccoli e sgradevoli parenti dei ragni e si nutrono di sangue. Una zecca aspetta in genere sull’erba alta finché passa davanti del “cibo”. Le zecche sono portatrici di varie malattie anche letali. Se affamate possono succhiare il sangue del gatto anche per parecchi giorni. Qualora si noti una zecca presente sul gatto si deve rimuoverla con una pinzetta afferrandola vicino alla pelle e togliendola con un movimento rotatorio antiorario per evitare che la testa resti infilata nella pelle. Ci sono comunque prodotti spot-on appositi come per le pulci che usati localmente prevengono ed eliminano le zecche. Fare attenzione ad utilizzare solo prodotti specifici per gatti.

Se vuoi puoi scaricare il documento di questa pagina. Download

Per una piccola donazione
ti bastano 2 minuti




Guarda le foto su Instagram
e i video su YouTube


      


Seguici su Facebook


Il nostro sito, le foto e i contenuti sono realizzati unicamente grazie al lavoro dei volontari e alla loro dedizione nell'intento che sempre più persone possano conoscerci e aiutarci a soddisfare i bisogni dei nostri gatti, ma anche e soprattutto a condividere con noi la gioia di contribuire al loro benessere.
Vieni a trovarci, scopri come puoi aiutarci visitando il nostro sito, ogni piccolo gesto è importante e sicuramente lascerà una traccia nel tuo cuore !!! I nostri piccoli amici sapranno sicuramente ricambiare con il loro affetto !!